Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download
Scienze sociali in dialogo

Barabaschi

Claudia Barabaschi, assistente sociale specialista. Dal 2001al 2006  ha svolto docenza nella facoltà di Sociologia – Laurea in Servizio Sociale  dell’Università Cattolica di Piacenza.  Dal 2003 è coordinatrice dei volontari che operano nel campo della tossicodipendenza a favore dell’ass.ne La Ricerca di Piacenza. Dal 2003 coordina, in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale di Piacenza, il Progetto “Io diverso?.. E tu chi sei?”

Carla_Casali_Foto_p

Carla Casali, assistente sociale. Esperienze professionali: coordinatrice del Servizio Sociale Ospedaliero e del Servizio socio-educativo domiciliare a persone con Hiv/Aids di Reggio Emilia. Ha collaborato alla stesura del libro “Disagio Sociale e Psicofisico grave: percorsi con donne e uomini nel servizio socio-educativo domiciliare”, Antonella Morlini ( a cura di), Franco Angeli, 2006.   

Giangrandi_Foto_pAnna Giangrandi, assistente sociale specialista. Esperienze professionali: coordinatrice del Laboratorio Famiglia San Martino del Comune di Parma; 1992-2009 responsabile del Servizio di accompagnamento socio-lavorativo del Centro di Solidarietà di Reggio Emilia. Co-autrice del libro “Traiettorie di vita, esperienze di lavoro: percorsi socio-lavorativi per persone in situazioni di disagio”, Anna Giangrandi ed Emanuela Serventi (a cura di), Franco Angeli, Milano, 2008

Abstract

Tre assistenti sociali riattraversano le loro esperienze professionali mettendo in trasparenza la dialettica tra unità e molteplicità, reciprocità e gratuità, debolezza e forza, quali dimensioni fondanti l’Agire Agapico e il lavoro nel sociale. Il saggio mette in evidenza il tipo di condizioni necessarie alla conoscenza della realtà, con particolare riferimento agli approcci più utili, alle dinamiche tra soggettività ed oggettività, al rapporto identità-lavoro nel sociale, con l’obiettivo di aprire percorsi di dialogo possibili con le scienze sociali. 

scarica documento

Giostra_Foto_p

Mario Giostra
matematico, sociologo, esperto di percorsi di comunità con particolare riguardo a disturbi da uso di sostanze psicotrope e comorbilità psichiatrica

scarica documento

GALINDO_Lucas_-_I

Lucas Tavares Galindo, professore e ricercatore della Cattedra di Scienze Politiche e della Cattedra di Sociologia Generale nel Corso di Laurea in Diritto della Facoltà AESO – FIBAM, nello Stato di Pernambuco in Brasile. 

Abstract

Continuamente presente nell’insieme complessivo dei regimi di azione e interazione nella realtà sociale, l’esistenza – negli incessanti passaggi fra i diversi regimi – dei momenti di gratuità, “per quanto modesta sia, è tutt’altro che trascurabile” (Boltanski, 2005).

Occorre, dunque, un’inversione di questione per cui, invece che le formulazioni elementari «è possibile la gratuità?» oppure «perché in molte situazioni ordinarie le persone donano di più di quanto preveda, attenda o ipotizzi, la logica comune?», può essere più intellettualmente feconda e sicuramente più reale la formulazione: «Cosa fa sì che le facoltà ordinarie di agire agapicamente siano spesso inibite e o annullate?».

I momenti di gratuità, che sembrano rari, ma che esistono e di cui sperimentiamo gli effetti, possiedono un’enorme potenza che concerne la generazione e la stabilizzazione, dalle relazioni interpersonali fino alla costituzione della società e delle istituzioni la cui espressione massima è la reciprocità gratuita.

scarica documento

Masini

Vincenzo Masini 60 anni, sociologo, psicologo e psicoterapeuta. Professore presso l’Università di Palermo, Trapani, Roma “La Sapienza”, Università Pontificia Salesiana, LUMSA, SSIS del Lazio e della Toscana, Siena e Perugia. Attualmente direttore della Libera Università del Counseling

E_Mazzoni

Emanuela Mazzoni psicologa e counselor. Professoressa di “Teorie relazionali” presso l’Università di Siena e presso la Libera Università del Counseling. E’ Consulente per il Ministero degli Esteri - Commissione Pari Opportunità e collabora con Azione per Famiglie Nuove per il miglioramento delle relazioni nelle famiglie in attesa di adozione e nel post-adozione.

Abstract

Le ricognizioni sociologiche che sono state effettuate intorno ad una possibile teoria agapica indicano la relazione come sede delle realizzazioni dell’amore.

Tale luogo relazionale può definirsi in relazioni di opposizione che si manifestano in insofferenze, delusioni, logoramenti, evitamenti, fastidi, incomprensioni, equivoci; oppure in relazioni affini di dialogicità, disponibilità, riconoscimento, incontro, complementarità, mediazione, integrazione. In questo senso l’agire agapico supera le opposizioni relazionali nella direzione dello sviluppo di affinità relazionali.

Il modello di Prevenire è Possibile, si fonda su sette dimensioni di personalità individuale e collettiva idealtipica e le connette mediante le relazioni tra di loro. Sono così stati individuati sette idealtipi di religiosità: il ritualista, il militante, il ricercatore, l’emozionale, il convenzionale, l’intimista, il devoto. E’ stato somministrato il “Questionario di religiosità” a Cristiani con diverse confessioni - cattolici, ortodossi, valdesi, ecc. -, Ebrei, Islamici, Buddhisti, Spiritualisti post-moderni - es. New Age-, Atei ed appartenenti a diverse realtà associative, che sono stati invitati a scegliere tra i gruppi delle affermazioni circa la visione di Dio, il rapporto con Dio e la pratica della preghiera e sono state proposte affermazioni circa i sentimenti di opposizione verso le diverse religioni, compresa quella praticata dall’intervistato. L’obiettivo della ricerca è stato la comprensione delle ragioni psico-sociologiche dei conflitti religiosi. Si è verificato che le opposizioni relazionali interreligiose, possono evolvere mediante strumenti di counseling relazionale come la rassicurazione, l’incoraggiamento, l’illuminazione, il coinvolgimento emotivo, la tranquillizzazione, il sostegno e la conferma gratificante.

scarica documento

Il contributo della diplomazia pontificia alla costruzione di una nuova società internazionale

Carletti_Foto_SitoCarletti Anna, docente di Relazioni Internazionali presso l'Università Federale della Pampa (Unipampa). Ricercatrice Associata presso il Nucleo di Strategie e Relazioni Internazionali della Ufrgs (NERINT-UFRGS) e presso il Centro IBECAP di Rio De Janeiro.

Abstract

In questo articolo, sarà analizzata l´attività svolta dalla diplomazia della Santa Sede in ambito internazionale, principalmente durante i pontificati di Giovanni XXIII, Paolo VI, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, quando lo spirito modernizzatore del Concilio Vaticano II rivoluzionò l’agire internazionale della diplomazia della Santa Sede. Tale ricerca cerca di comprendere come la diplomazia pontificia abbia contribuito e può contribuire alla costruzione di una società internazionale più armoniosa, verificando se questo suo agire internazionale specifico è motivato da elementi tipici della modalità di relazionalità identificata come agire agapico.

scarica documento

Sottocategorie

La critica al capitalismo globalizzato

Salerno, 6 maggio 2013

Università di Salerno - Biblioteca Santucci

Dádiva e Agir agápico: Em diálogo rumo a novas persperctivas

paradigmáticas para as Ciéncias Sociais

Servizio sociale professionale e agire agapico: riflessioni teoriche, processi operativi

30 agosto al 1° settembre 2012

Centro Convegni Mondo Migliore - Rocca di Papa, Roma

Terzo seminario di Social-one

"L'agire agapico come categoria interpretativa per le scienze sociali"

Castelgandolfo (Roma), 17-18 gennaio 2011

Codice ISBN 978-88-95697-02-4

"Agire Agapico e Scienze Sociali"

Castelgandolfo, 6-7 giugno 2008

ISBN 978-88-95697-04-8

scarica documento: seminario 2008

RAPPORTI SOCIALI E FRATERNITA':

PARADOSSO O MODELLO SOSTENIBILE?

UNA PROSPETTIVA A PARTIRE

DALLE SCIENZE SOCIALI

 

Vera Araujo (ed.)

Atti del convegno Social-One

Castelgandolfo (Roma) 11-13 Febbraio 2005

SCIENZE SOCIALI IN DIALOGO

2003 copertina it

scarica documento: convegno 2003

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.