Text Size

Elementi di sociologia dell'amore

La dimensione agapica nella società

di  Gennaro Iorio

copertina montatabis

 E' un concetto sociologico: l'agape. E' il tentativo di far emergere un sociale che esiste e resiste, anzi insiste, come un fatto che non sopporta di essere ridotto, annacquato o celato, che non evapora nella pigrizia preconcetta. L'agape ci aiuta nell'atto interpretativo della realtà sociale, a demarcare e a tradurre, e quindi ci conduce nell'analisi dei fenomeni sociali. Questo, in ultima analisi, è l'obiettivo che il saggio si è posto: semplicemente di introdurre nel lessico sociologico uno strumento di analisi del reale. Quel reale nel quale si può osservare l'oltrepassare, le delimitazioni date, di spezzare tabù, di andare oltre le norme costituite e codificate in una arbitraria "normalità". Per questo l'agape si presenta come concetto critico, di una critica che, se da un lato denuncia i rischi legati ai bisogni di gruppi chiusi, spesso assolutizzanti e per questo fondamentalisti, dall'altro indica proprio nella realtà concreta il radicarsi di un processo sociale che esprime una socialità che riconosce in maniera radicale le differenze e le distanze, che ne caratterizzano proprio una condizione dello stare insieme delle comunità  fondate sul riconoscimento e il rispetto delle soggettività.

 

In copertina: ideogramma cinese tradizionale/giapponese per amore. Consiste in un cuore (centrale) all'interno di "accetta"," tatto" o "percepire", ciò mostra un'emozione graziosa.

  Indice   

gennaro Iorio

 

Gennaro Iorio, professore associato di Sociologia all'Università degli Studi di Salerno. Si è occupato dei temi legati alla povertà, alle nuove tecnologie, ai classici della sociologia e del dialogo sociale. Ha pubblicato numerosi articoli e saggi scientifici.  

 

Interpretazioni

 Il volume ripercorre le interpretazioni della povertà sistematizzando il modo attraverso il quale i poveri sono stati rappresentati dai diversi punti di vista: si rielabora un nuovo modello di lettura dei poveri che pone le premesse per scorgere nella povertà una risorsa da non sprecare.Nel lavoro di ricerca si evidenzia che la deprivazione è qualcosa costruita dagli 'altri', chiama  cioè in causa, in primo luogo, i 'non poveri' e le modalità con cui questi ultimi si relazionano al fenomeno e ai soggetti in condizione di deprivazione.Il libro però non si ferma solo a un'interpretazione del fenomeno ma presenta un caso di intervento sociale contro la povertà. E' l'esperienza dell'Economia di Comunione, da annoverare nella tradizione dell'Economia Civile, un sistema di imprese creato per inserire nel circuito produttivo i poveri, che sperimentano il poter essere riconosciuti nei loro meriti e nelle capacità lavorative.  E' una realtà transculturale presente in tutti i continenti che mostra i tratti di un intervento sociale e che consente l'attivazione dei deprivati. Una ricerca, quindi, che propone un approccio inedito all'interpretazione della povertà e le modalità concrete  per uscire dalla povertà con interventi che destrutturano un modo di interpretare la povertà e di intervenire su di essa.        

Indice

Arpad 1 Sito p   Arpad 2 Sito p   Arpad 3 Sito p   Arpad 4 Sito p

Il 5 dicembre 2012 Social-One ha incontrato il Prof. Árpád Szalkolczai, dialogando sul concetto di grazia e le sue possibili connessioni con il concetto di agire agapico.

Testo integrale ...

chiara_gruppo_home"Brotherly love establishes positive social relationships everywhere, capable of rendering our human consortium more cohesive, more just, and happier.
Our more than 60-year-old experience tells us that these relationships of brotherhood lived out on a daily basis and on a personal level, both in the family and society, in political forums and economic structures, free up untapped moral and spiritual resources.
They are new types of rapports, full of meaning, which give life to the most varied projects, which inspire structures that are for the good of individual citizens and of the community as a whole."

Extract from Chiara Lubich's address to the Social-One Convention "Social Relationships and Fraternity: Paradox or Sustainable Model?", Castelgandolfo, 11 February 2005

Chi è online

We have 6 guests and no members online

Top