Creativity

Innovation

Originality

Imagination

 

Salient

Salient is an excellent design with a fresh approach for the ever-changing Web. Integrated with Gantry 5, it is infinitely customizable, incredibly powerful, and remarkably simple.

Download
Scienze sociali in dialogo

DONO E AGIRE AGAPICO: IN DIALOGO VERSO

UNA NUOVA PROSPETTIVA PARADIGMATICA PER LE SCIENZE SOCIALI

Olinda 6-7 luglio 2012

CALL FOR PAPER

I cambiamenti negli ultimi decenni hanno spinto la teoria sociale a fare un ulteriore sforzo di elaborazione. In questo contesto la teoria sociologica ha introdotto nuovi concetti, variamente formulati, come possibili interpretazioni del sociale che di solito sfuggono alle tradizionali prospettive analitiche fino ad oggi elaborate dalla tradizione scientifica.

L’importante, fecondo e significativo percorso realizzato dal Paradigma del dono fa i suoi primi passi in Brasile con la pubblicazione di autori della statura di Alain Caillé, Jacques Goudbout e Gabriel Cohn nello storico numero 38 della RBCS, e con il libro “Lo spirito del Dono” nel 1998, percorso continuato da Lygia Sigaud nel 1999 e magnificamente ufficializzato da Paulo Henrique Martins nel suo storico articolo “Da Lévi-Strauss a M.A.U.S.S. – Movimento Antiutilitarista nelle Scienze Sociali. Itinerario del dono”. Con una storia di 14 ammirevoli anni di presenza feconda e significativa in Brasile, il Paradigma del dono porta con sé un contributo ineguagliabile da offrire al patrimonio conoscitivo delle Scienze Sociali.

Dádiva e agir agápico: Em dialogo rumo as novas perspectivas

paradigmáticas para as Ciências Sociales

Dono e agire agapico: In dialogo verso una nuova prospettiva

paradigmatica per le Scienze Sociali

6-7 luglio 2012 Università AESO - OLINDA (Pernambuco) - BRASILE

aeso_logo-p

info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

La scuola di artigianato di Santa Maria di Catamarca (Argentina).

Un'esperianza di sviluppo locale incentrato sulla reinterpretazione della cultura tradizionale

Cataldi_Silvia ROLANDO_IMG_1625
Silvia Cataldi Rolando Cristao

 1. Il caso di studio

Ci troviamo in una regione a nord dell’Argentina, quella del NOA. Si tratta di una regione meno europea di quella del sud, più mestiza (meticcia), e soprattutto si tratta di quella che viene chiamata la culla dell’uomo argentino, ossia di una regione popolata fin dall’antichità da grandi civiltà, di origine pre-incaica, in cui si sono susseguite popolazioni molto diverse (yocavil, inca e dominazione spagnola). 

Alcuni aspetti riflettono in modo inequivocabile l’arretratezza economica dell’entroterra argentino della regione del NOA:

Verso la governance e il management di comunione nelle organizzazioni

IMG_Z_1564_pIMG_Z_1577_pIMG_Z_1627_pIMG_Z_1641_p

Jean-Marc Chanel, Vice presidente dell'Associazione francese Edwards Deming, Capo progetto dell’organizzazione e informatica nel Gruppo Renault, Francia.
François Gallon, Direttore del progetto di Sviluppo Sostenibile e della gestione del cambiamento in un gruppo agro-alimentare, e Doctorant in sociologia, Francia.
Sergio Gridel, Consulente e formatore in management e animazione d'équipe, Coach d'équipe, Francia.
Robert Jamen, Docente – ricercatore all’ESDES, scuola superiore di commercio dell’Università cattolica di Lione, Francia, Dott. In Scienze di Gestione.
Philip Koenig, Consulente interno e Coach in un gruppo internazionale, Svizzera.
Valérie Mancini
, Psicoterapeuta, Francia.
Nicolas Reynaud
, Educatore e promotore della « Fraternité progressive”, Svizzera.
Lavinia Sommaruga Bodeo
, coordinatrice della politica di sviluppo e insegnante, Svizzera.

Questa comunicazione ha come scopo di presentare il progetto di ricerca sul quale lavoriamo:

la definizione della governance e del management di comunione, e l’elaborazione di processi di attuazione per qualsiasi organizzazione, qualunque sia la sua finalità: sia economica che sociale, o politica, o educativa…

  • In una prima parte definiamo questi concetti e stabiliamo i legami necessari con l’agire agapico,
  • nella seconda parte li approfondiamo alla luce dell’evoluzione attuale del mondo. Mettiamo in evidenza i punti di convergenza forti che hanno confortato il nostro obiettivo di ricerca.
  • Nella terza parte precisiamo la nostra problematica di ricerca. Infine presenteremo un esempio di attuazione operativo della governance e del management di comunione, esemplificando in questa maniera i nostri lavori.

Scarica documenti

Garofalo_Foto_pSabrina Garofalo è dottore di ricerca in “Politica, Società e Cultura”, Dipartimento di Sociologia e Scienza Politica dell’Università della Calabria, Institut Social de Lille. Componente del Centro Women’s Studies Milly Villa dell’Università della Calabria, si occupa delle tematiche relative alle migrazioni, alla violenza di genere, alla mafia ed antimafia. Dal 2011 ha un contratto di insegnamento per il corso di Sociologia Generale presso l’Università Magna Graecia di Catanzaro. 

scarica documento

Sottocategorie

La critica al capitalismo globalizzato

Salerno, 6 maggio 2013

Università di Salerno - Biblioteca Santucci

Dádiva e Agir agápico: Em diálogo rumo a novas persperctivas

paradigmáticas para as Ciéncias Sociais

Servizio sociale professionale e agire agapico: riflessioni teoriche, processi operativi

30 agosto al 1° settembre 2012

Centro Convegni Mondo Migliore - Rocca di Papa, Roma

Terzo seminario di Social-one

"L'agire agapico come categoria interpretativa per le scienze sociali"

Castelgandolfo (Roma), 17-18 gennaio 2011

Codice ISBN 978-88-95697-02-4

"Agire Agapico e Scienze Sociali"

Castelgandolfo, 6-7 giugno 2008

ISBN 978-88-95697-04-8

scarica documento: seminario 2008

RAPPORTI SOCIALI E FRATERNITA':

PARADOSSO O MODELLO SOSTENIBILE?

UNA PROSPETTIVA A PARTIRE

DALLE SCIENZE SOCIALI

 

Vera Araujo (ed.)

Atti del convegno Social-One

Castelgandolfo (Roma) 11-13 Febbraio 2005

SCIENZE SOCIALI IN DIALOGO

2003 copertina it

scarica documento: convegno 2003

Questo sito utilizza cookie tecnici, anche di terze parti, per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito. Chiudendo questo banner, o continuando la navigazione, accetti le nostre modalità per l’uso dei cookie. Nella pagina dell’informativa estesa sono indicate le modalità per negare l’installazione di qualunque cookie.